Il Regno Unito ha pubblicato oggi i suoi obiettivi negoziali per un accordo di libero scambio con il Giappone, i cui colloqui inizieranno a breve.

L’accordo si baserà sull’accordo di libero scambio UE-Giappone già esistente e mirerà ad assicurare ulteriori benefici alle imprese britanniche che commerciano con il Giappone e in particolare a migliorare la resilienza delle catene di fornitura attraverso la diversificazione e l’apertura di nuovi mercati per le imprese.

I produttori di tessili e abbigliamento e i fornitori di servizi professionali e finanziari sono tra le industrie del Regno Unito che maggiormente interessate alla rimozione delle barriere commerciali con il Giappone. L’accordo mira anche a garantire un assetto all’avanguardia del commercio digitale.

Un accordo commerciale tra il Regno Unito e il Giappone potrebbe aumentare i flussi commerciali tra i due paesi di 15,2 miliardi di sterline.

I colloqui commerciali tra Regno Unito e Giappone sono anche il primo logico passo verso la piena adesione Uk all’Accordo globale e progressivo per la partnership trans-pacifica (CPTPP), offre opportunità nelle economie in più rapida crescita del mondo. 

Il Segretario al Commercio Internazionale, Liz Truss ha detto: ”Il Giappone è uno dei nostri maggiori partner commerciali e un nuovo accordo commerciale contribuirà ad aumentare gli scambi, a stimolare gli investimenti e a creare più posti di lavoro a seguito delle sfide economiche causate dal coronavirus”.

Entrambe le parti si sono impegnate a rispettare una tempistica ambiziosa per garantire un accordo che vada anche oltre l’accordo esistente, soprattutto per quanto riguarda il digitale e i dati.

Articolo precedenteTTIP, prove tecniche di ripresa del negoziato
Articolo successivoGià partita l’operazione SSS: SilviaSantaSubito
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.