Era il 20 gennaio e il Responsabile nazionale Esteri del PRI, Bepi Pezzulli, scriveva su Affaritaliani che il taglio dei parlamentari può compiacere la Vandea dell’antipolitica, ma paga un costo esorbitante al populismo svilendo la rappresentanza democratica. E’ invece auspicabile tornare al sistema elettorale proporzionale per neutralizzare la deriva Cesarista. In calce il link all’articolo, oggi ancora più attuale.

https://www.affaritaliani.it/blog/italia-atlantica/le-ragioni-del-proporzionale-contro-emotivita-del-taglio-alle-poltrone-647740.html?fbclid=IwAR1SIBLLwOLNXMdZDvplRViTdxZWWBcSg8JoGZr7UKsrbDdi_ShS8BAjtT0

Articolo precedenteFatale 10 agosto, la fine della monarchia in Francia
Articolo successivoAperto o chiuso? Verso la seconda ondata Covid-19
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.