“Non vorrei trovarmi nella condizione per cui per degli imbecilli od irresponsabili mi trovi nella condizione di chiudere tutto.” Così Stefano Bonaccini riferendosi non ai contagiati extracomunitari arrivati senza controlli nelle campagne emiliane romagnole dal Bangladesh o da altri Stati, ma ai giovani italiani che si incontrano sulle spiagge o sulle piazze dell’Emilia-Romagna.
Prudenza o delirio di onnipotenza? Peggio di Conte. Sembra un” vi spezzeremo le reni”. No, non prudenza, hanno il delirio del dominio. La sconfitta dell’essere libero e responsabile è la coercizione, il distanziamento sociale. Si crea sospetto, sfiducia, paura che sono gli ingredienti principali su cui si reggono le dittature. La sbornia di onnipotenza che regola, impone, reprime e poi ci si accorge che i giovani vogliono vivere con le precauzioni, non con le prigioni. Una politica che crea divieti, ordine di polizia per un abbraccio, un bacio, è una politica che toglie i sogni, l’orizzonte della libertà e dei diritti umani. E’ una sciocchezza che questi “sinistri” burocrati di destra e di sinistra pagheranno con la rivolta o il qualunquismo che costa e imputridisce la democrazia sicuramente più del buon senso e della tolleranza.

(Foto: Wikipedia)