Il portavoce del Ministero degli Esteri israeliano Lior Hayat ha respinto “con sdegno” le vergognose parole di Recep Tayyip Erdogan. Ieri, il Presidente turco aveva risposto alla decisione di Emmanuel Macron di promuovere azioni contro l’estremismo islamico in Francia, equiparando le dichiarazioni del Presidente francese alla politica dei nazisti e dei razzisti nei confronti degli ebrei prima della Seconda guerra mondiale. “Noi riteniamo – ha detto Hayat – che gli appelli al boicottaggio di prodotti nei confronti della Francia rappresentino un cinico sfruttamento politico della libertà di espressione che fomenta odio, così come avviene per gli appelli ipocriti al boicottaggio di Israele”.

Erdogan aveva lanciato un appello a boicottare i prodotti francesi, inasprendo lo scontro con Macron a causa delle vignette satiriche contro Maometto pubblicate in Francia.

Secondo il “Sultano” i musulmani in Europa sono oggetto di una “campagna di linciaggio” come gli ebrei sotto il nazismo e ha denunciato, senza farne i nomi, alcuni leader occidentali di sostenere l’islamofobia, chiamandoli “fascisti”. “Voi siete fascisti nel senso vero, siete davvero gli anelli di una catena di nazismo”, ha detto Erdogan. “I musulmani oggi sono oggetto di una campagna di linciaggio simile a quella contro gli ebrei in Europa prima della Seconda guerra mondiale”.

Il 16 ottobre nella banlieu di Parigi il professore di storia Samuel Paty, che aveva mostrato le vignette su Maometto ai suoi alunni durante una lezione sulla libertà d’espressione, era stato decapitato dal terrorista Abdullakh Anzorov.

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte ha twittato un messaggio di solidarietà a Macron; ma non una parola di solidarietà agli ebrei. Ad essi va la solidarietà incondizionata de La Voce Repubblicana.

Articolo precedenteLiberalriformismo e neorepubblicanesimo
Articolo successivoIslam in Francia, lungo la spirale discendente
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.