Quale che sarà l’esito finale delle elezioni americane, un dato è certo, l’inarrestabile marcia trionfale di Joe Biden, che per mesi ci hanno fornito come un dato incontestabile, una marcia che poteva essere arrestata solo dall’intervento dei venusiani, non c’è stata.
Riceviamo dunque, un’altra volta, la conferma sulla scarsa attendibilità dei sondaggi. La rimonta di Donald Trump, dato per sconfitto da tutto il comparto mediatico unito, salvo le dovute eccezioni, sta creando apprensione in campo democratico.
A spogli non ancora conclusi, dopo avere conquistato le roccaforti del Texas e della Florida, Trump, in Pennsylvania, è in vantaggio sul 64% de voti scrutinati, del 56,1% contro Joe Biden, che si arresta al 42,7%. Ciò significa che per battere Trump, Biden deve avere un ampissimo margine di voti a suo favore sul restante 36%. Teoricamente è possibile, ma teoricamente è anche possibile che Trump allunghi il suo vantaggio.
In Michigan, sul 72% dei voti scrutinati, Trump è in vantaggio del 53,3% su Biden che, al momento è al 45,1%. In North Carolina, sul 94% dei voti scrutinati, Trump è in vataggio del 50,1% su Biden che è al 48,7. In Wisconsin, con il 92% dei voti scrutinati, Trump è in vantaggio del 51,3% contro il 47,2% di Biden. In Georgia, con il 94% dei voti scrutinati è in vantaggio del 50,5% sul 48,1% del rivale.
Tutto questo non ci dice che Trump ha vinto, ma ci dice sicuramente una cosa, che Biden, al momento, lo rincorre.
Articolo precedenteLa solidarietà del PRI ad Austria ed ebrei di Vienna
Articolo successivoIl PRI in difesa di RAI Storia: la cultura non si chiude
Milanese. Laureatosi in filosofia teorica a Roma, è ricercatore indipendente relativamente al conflitto arabo-israeliano. Collabora con L’Informale, Progetto Dreyfus e Caratteri Liberi. Diverse sue interviste con alcuni dei più autorevoli studiosi di storia di Israele, islamismo e jihad, tra cui Benny Morris, Daniel Pipes, Robert Spencer e Mordechai Kedar, sono apparse oltre che su L’Informale, su DanielPipes.org, Middle East Forum, Frontpage Magazine e The Jerusalem Herald. Direttore editoriale della collana Ricerche sull’antisemitismo e l’antisionismo della Salomone Belforte Editore, ha pubblicato Il Sabba Intorno a Israele: Fenomenologia di una demonizzazione, Lindau, 2017 e Il Capro Espiatorio: Israele e la crisi dell’Europa, Lindau, 2019. Segue la politica estera per La Voce Repubblicana.