Il primo leader straniero chiamato dal Presidente-eletto Joe Biden è stato Boris Johnson. La prima telefonata internazionale è un atto altamente simbolico nella ritualità di Washington, DC e segnala le priorità dell’Amministrazione entrante. Per Joe Biden, la priorità è evidentemente la relazione speciale. Secondo le ricostruzioni a caldo degli sherpa di Downing Street, il Presidente-eletto ed il Primo Ministro hanno discusso di Brexit e di commercio internazionale. Sulla Brexit, la delegazione parlamentare democratica è preoccupata dalla promulgazione dell’Internal Market Bill e dalla solidità del Northern Ireland Protocol. La pace in Irlanda del Nord è una priorità assoluta della politica estera Usa; Biden – che è di origini irlandesi – ha chiesto rassicurazioni sulla tenuta dell’Accordo del Venerdi Santo e garanzie sull’assenza di una frontiera fisica tra le due metà dell’isola d’Irlanda. Il Primo Ministro ha convenuto sull’importanza di proteggere il processo di pace in Irlanda e chiarito che la controversa legge sul mercato interno è concepita per entrare in vigore solo in mancanza di un accordo post-Brexit ed in caso di serrata sull’esportazione di generi alimentari dall’Inghilterra all’Ulster. E’ evidente che l’Internal Market Bill, se applicato, costituirebbe una violazione del diritto internazionale – e la prospettiva è indigesta alla House of Lords, che ha rinviato la legge alla House of Commons – ma d’altra parte, il governo Uk si appellerebbe in tal caso all’eccezione di autotutela per salvaguardare l’integrità costituzionale se compromessa da eventi sopravvenuti e cause di forza maggiore. Sul commercio internazionale, secondo gli analisti, c’è il disco verde dei democratici sull’accordo bilaterale Usa-Uk. Le teorie sull’inclinazione filoeuropea dei democratici si scontrano con la dottrina americana dell’interesse nazionale. Per effetto della Brexit, Usa e Uk hanno la possibilità di costruire il mercato unico transatlantico dei capitali (mentre l’Ue ancora combatte con l’evanescente mercato unico dei servizi finanziari, mai finora realizzato), blindando la prominenza della common law angloamericana nella gestione dei flussi finanziari internazionali. Una tale prospettiva, che rafforza la capacità Usa di contenere l’ascesa globale della Cina e di indebolire il ruolo dell’Euro quale possibile moneta di riserva globale alternativa, è nell’interesse americano e non costituisce materia di contesa partitica. Nessuno a Washington rema contro l’accordo. E il gesto di Biden certifica questa realtà. Biden medesimo è poco compreso. A differenza di Bill Clinton e Barack Obama, il senatore del Delaware non ha mai inseguito il mondialismo, e anzi considera il multilateralismo uno strumento di proiezione del soft power americano nel mondo. Secondo l’Ambasciatore Sergio Vento, Responsabile nazionale esteri del PRI, la contrapposizione tra Biden e Trump è meglio compresa quale confronto tra una concezione di repubblica (Trump) e una concezione di impero (Biden). Le prime opportunità di rafforzare la relazione speciale sono prossime. Londra si prepara ad ospitare il G7 del 2021 sulla gestione della crisi economica e la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Entrambi i temi figurano in cima all’agenda Biden.

(Foto: Wikipedia – Licenza Creative Commons)

Articolo precedenteDavanti alla fine del mondo, da libro a disco
Articolo successivoLa Presidenza Biden e la democrazia liberale
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.