Il dieci novembre scorso improvvisamente ci si é accorti che in Italia erano morte duemila cinquecento persone in dieci giorni, con picchi da 330 al giorno.

Ma da quel momento stando ai dati giornalieri i morti sono raddoppiati con picchi di più di ottocento persone fino a ieri in cui sono calati sotto i cinquecento.

Ci sono stati quindicimila morti per covid o dichiarati come tali in un mese e il paese  si é commosso della sorte di Maradona. Altro che negazionisti.

Il governo, la protezione civile, non si preoccupano di farci sapere nulla su questa strage che si é consumata in 29 giorni e nessuno gliene chiede conto.

É scontato che durante una epidemia ci siano dei morti, inutile andare troppo per il sottile.

Anche altri grandi paesi europei hanno avuto un picco di morti in questo mese. La Francia il 21 novembre scorso ha persino superato i mille decessi. Ma dopo sono stati drasticamente dimezzati, riportati entro il centinaio, quando da noi sono cresciuti per altri sette giorni e tutt’ora sono stati comunque cinquecento.

Possibile che le autorità sanitarie non dicano una parola su questo? Che si compiacciono di aver ridotto la curva dei contagi di un paio di punti percentuali con quindicimila morti in un mese? Che il governo prepari un nuovo dpcm, forse che i morti sono coloro che non rispettano le belle regole del governo?

E quanti se ne prevedono per dicembre? Chi é che non riesce a farcela? Berlusconi, Zingaretti, Briatore, Ronaldo, sono tutti guariti. Chi sono i morti? Il governo prepari un elenco e una stile di marmo su cui inciderne i nomi, sono cittadini italiani.

Un medico di base ha scritto al presidente del consiglio una lettera in cui lamenta di essersi ammalato gravemente e che teme di non rivedere più i suoi cari per non avere avuto un’attrezzatura adeguata.  Non ci sarà per caso un nesso fra l’insufficienza di mezzi sanitari adatti, non solo strutture ma anche l’ equipaggiamento, alla base di questa ecatombe? Ci ha pensato il ministro della sanità, il governo, che invece di elargimenti a mezza italia serviva mettere tutte le risorse disponibili in un sistema sanitario fatiscente, ad assumere medici dall’estero, come ha fatto la Germania, di pensare a prepararne di nuovi? O ci si preocupa solo dei contagiati per non vedere i morti?

Sembra che il ministro Gualtieri si accinga a chiedere il mes, che il governo si sia convinto. Andava fatto il giugno scorso, perché se continuiamo così a dicembre arriveremo a ventimila morti e se vi sono i vaccini lo scenario sarà completamente diverso.

Ma con il mes si dice, l’Italia perde la sua sovranità, l’Europa ci commissaria.

Giusto e sarebbe ora. Per avere commissario Arcuri, tanto valeva tenersi Radetzky.

/Foto: Cadaverexquisito, CC BY-SA 3.0 <https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0>, via Wikimedia Commons)