Si é quasi stupiti del fatto che in Inghilterra inizino già a vaccinare la popolazione contro il Covid-19, quando da noi eminenti scienziati sostengono che ci vogliono almeno otto anni per avere un vaccino efficace.

Anche se il complesso degli studiosi ha immediatamente stroncato tali valutazioni, l’Unione europea ha fatto sapere che occorre una trafila più accurata per poter procedere con la vaccinazione.

Si capisce bene perché di tutta l’Europa solo l’Inghilterra vinse la guerra e con lei la Russia che anche sta vaccinando. Gli inglesi hanno avuto dall’inizio della pandemia 53 mila morti su sessanta milioni di abitanti. Una ecatombe che ha condizionato nel profondo e continua a condizionare la loro vita sociale, pensate che abbiano voglia di aspettare i tempi del protocollo Ue per approvare la vaccinazione?

Il governo di Sua Maestà si é preoccupato di tagliare i passaggi burocratici e ha mosso tutte le sue forze per poter procedere più rapidamente di quanto si sarebbe potuto avendo a disposizione più tempo. Ma tempo oggi non ce n’è.

Del resto, se la scienza sa quello che fa, il vaccino é efficace al 95 per cento o non lo é, perché dunque rimandare?

L’Inghilterra é una vecchia monarchia che ha persino soppresso la sua Costituzione trovando un perfetto equilibrio di poteri e contropoteri, i checks and balances delle democrazie moderne li ha introdotti lei e da lei funzionano perfettamente senza nemmeno più bisogno di un codice scritto. Si chiamano Corona, governo, parlamento. Nessun momento della vita inglese sfugge al vaglio di una di queste istituzioni e per nessuna ragione. Se mai comparisse un Cromwell, con tutto tutto il rispetto, lo arrestano.

Di fatto, l’Inghilterra é sempre in emergenza e sempre vuole tornare alla vita normale. C’è da chiedersi piuttosto se la vita normale interessi al nostro continente dove ancora si sentono elogiare i valori spirituali scoperti nel lockdown, e c’è chi si commuove per chi cantava dai balconi.

Poveri paesi questi, senza avvenire, che continueranno a contare i loro morti, i loro infetti, i loro ricoveri, quando gli inglesi, come al solito, saranno già tre passi avanti.