Quando la Francia repubblicana volle ripristinare la costituzionalità perduta dovette eliminare il comitato di salute pubblica.

Il comitato pensava che scaricando Robespierre e la sua fazione sarebbe stato risparmiato, ma, in breve tempo, i francesi epurarono tutto il comitato e vollero chiudere persino il Club giacobino.

La Convenzione per salvarsi impose la legge dei due terzi, per la quale due terzi dei parlamentari sarebbero stati confermati, altrimenti sarebbe tornato il partito monarchico alla ribalta e per fermarne l’ondata, ci si rivolse alla cavalleria di Murat e ai cannoni di Bonaparte.

Questo tanto per capire come sia difficile invertire un processo legislativo una volta avviato fuori dal percorso ordinario e quali danni possa provocare l’averlo fatto.

Il senatore Renzi che chiedeva al Presidente Conte di ritornare alla legalità democratica ricordava il girondino Vergniaud che lamentava a Couthon l’uso della ghigliottina.

Ma se il Presidente Conte ha deciso e ancora può decidere con un suo comitato tecnico scientifico della libertà di circolazione dei cittadini sotto il santo natale e dir loro con chi fare il cenone, a maggior ragione vorrà decidere, con un altro comitato specialistico di suo gradimento, dei fondi europei e di quant’altro abbia capriccio.

Se la ragione dell’emergenza ha prevalso una volta su quella dell’ordinamento repubblicano, come si pensa di poter riuscire contro di questa a ripristinare la legittimità costituzionale oltraggiata?

Renzi può solo minacciare di far cadere il governo, ma questo avverrà solo quando il palato degli italiani si sarà stancato dei piatti che gli si somministra quotidianamente.

Il parlamento sotto ricatto non riuscirà a liberarsi di questo governo fino a quando la pandemia sarà vinta. L’unica differenza, molto notevole a dir la verità, fra l’epopea rivoluzionaria e la nostra é che la Convenzione non rinunciò mai alle sue prerogative.

Tutti gli atti dei comitati le furono sempre sottoposti ad un voto, cioè il potere di controllo esercitato dal parlamento sul governo rimase intatto anche e nonostante la delega legislativa. Per questo li si chiamava comitati, non erano essi il governo della Francia, che restava fermo nelle mani dell’intera Convenzione.

Il nostro parlamento ha dato invece tutti i poteri al governo e perso ogni forma di controllo per cui non si capisce come possa ripristinarlo se non abbattendo questo governo, coloro che ne fanno parte e di fatto suicidandosi.