L’esodo da New York con il conseguente calo di residenti è un fenomeno che ha visto un rapido incremento durante quest’ultimo anno e potrebbe costare allo stato la perdita di un membro del congresso, secondo uno studio dei dati del censo a cura di Brookings Institution.

In base al sistema bicamerale statunitense, i membri della Camera dei rappresentanti sono ripartiti in maniera proporzionale alla popolazione nei singoli stati, al fine di garantire una rappresentazione equilibrata.

Già dal febbraio dell’anno scorso The Intercept, con un articolo di Aida Chavez, presagiva che nel caso dello stato di New York, la rappresentante Alexandria Ocasio-Cortez (partito democratico) fosse con tutta probabilità quella cui il partito sarebbe stato incline a rinunciare. La candidata più giovane della storia ad essere eletta (a 29 anni) nella Camera dei rappresentanti, non sembrerebbe però disposta a lasciare la scena senza combattere.

Alexandria Ocasio-Cortez (AOC), membro controverso per ideali e programmatica politica, capace di infuriare i suoi colleghi per il suo continuo allinearsi con gruppi progressivi esterni, ha criticato in dicembre l’agenda politica del neo presidente Joe Biden, definendola ”un po’ offuscata” sulla base delle selezioni del neo presidente dei membri del suo gabinetto.

AOC si è impegnata a predicare la necessità del partito democratico di abbracciare gli ideali del cosiddetto “Movement For Black Lives”. Tra le radicali idee del movimento, che hanno fatto arricciare il naso a non pochi membri del suo partito, si annoverano il famoso “defund the police”, l’iniziativa di tagliare una sostanziale parte dei fondi destinati alle forze dell’ordine, per destinarli a finanziare quartieri a predominante popolazione di colore.

Altre proposte includono chiudere le prigioni federali, ridurre drasticamente il budget della difesa, eliminare le leggi federali che criminalizzano la violazione dei confini nazionali, abolire le banche dati della polizia che tracciano i membri delle gangs, abolire del tutto agenzie come la U.S. Immigration and Customs Enforcement, U.S. Customs and Border Protection e Drug Enforcement Administration ed eliminare l’assicurazione sanitaria privata socializzando l’intero sistema sanitario.

I suoi avversari più agguerriti non fanno parte del partito repubblicano, ma si annoverano in seno alle fila del suo stesso partito. Un membro del partito democratico alla Camera dei rappresentanti aveva iniziato sin da due anni fa ad esercitare pressione sui membri del partito dello stato di New York affinchè reclutassero un candidato in grado di contrastare AOC alle primarie. “La notizia generò un rapido aumento delle donazioni ad AOC, suggerendo la semplice eliminazione del suo distretto come metodo più efficace per liberarsi di lei”, riporta The Hill.

Secondo uno studio condotto da Bloomberg, New York City, la città più grande dello stato, ha assistito ad un esodo di circa 260 residenti al giorno nel 2018. Numero aumentato a 376 residenti al giorno nel 2019. Esodo (fuga direbbero alcuni) dallo stato verso altri stati all’interno del paese.

Business insider riporta che a cavallo tra il 2019 ed il 2020, 126,000 persone hanno abbandonato lo stato di New York, e che “il calo più rilevante in popolazione tra tutti gli stati americani” di quest’anno è stato quello di New York.

Analizzando i possibili motivi del grosso movimento migratorio da stati a gestione democratica come California e New York verso stati storicamente repubblicani come il Texas, la differenza del costo della vita, può sembrare semplicistico ma balza immediatamente all’occhio.

La nuova regolamentazione sulle tasse in California e New York ad esempio, impone un tetto di deduzioni sull’imposta di reddito per tasse locali e statali che ha il risultato pratico di aumentare le imposte dei residenti più benestanti del 50%. In Texas? Zero. Lo Stato del Texas infatti non impone il pagamento di tasse sul reddito. Il costo dell’affitto di un appartamento di una stanza da letto a New York è in media di 2,600 dollari, mentre a Dallas o Houston si paga più o meno 800 dollari.

Le tasse sulla proprietà residenziale sono un altro punto dolente.

Blanca Ocasio-Cortez, madre di Alexandria, è stata forzata – ironia del destino – da tale status quo, a trasferirsi dalla Grande Mela alla Florida. Durante un’intervista sul New York Post, rivelava infatti che “Stavo pagando 10,000 dollari l’anno in tasse sulla proprietà di residenza quando vivevo al nord. Adesso pago 600 dollari all’anno in Florida.”

“Quaggiù non c’è stress”.