I dieci milioni di vaccinati entro marzo previsti dal CTS del governo popul-socialista, sono diventati 13 in soli due giorni secondo le convinzioni del ministro della sanità Speranza.

In pratica, il governo popul socialista conta di far meglio degli Stati Uniti d’America che si limitano di riuscire a vaccinare entro quella data un sesto della propria popolazione.

Il governo popul socialista confida di vaccinarne un quinto. Se il governo popul socialista entro marzo riuscirà a vaccinare anche sei milioni di italiani siamo pronti a giurargli fede fino alla fine dei suoi giorni e di difendere il suo leader in punta di penna a costo della nostra stessa reputazione.

Perché anche solo per raggiungere un obiettivo dimezzato da quello annunciato dal ministro Speranza, occorrono almeno due condizioni.

La prima, una precisa individuazione degli obiettivi su cui muoversi e quindi personale ospedaliero, case di riposo, centri per anziani, degenti e poi personale del pubblico impiego, cominciando da quello scolastico.

Altrimenti il governo popul socialista dovrebbe scegliere una strada piu complessa, quella dei diritti in cambio del vaccino, per cui frequentazioni degli impianti sportivi, dei cinema, dei teatri, magari degli stadi. Qualcosa insomma che urta con il palato assuefatto alle restrizioni del suo CTS.

La seconda condizione, invece, richiede un implemento della dose dei vaccini rispetto a quella prevista. É vero, come ha detto il ministro, che le dosi sono state preordinate sulla base della popolazione dei singoli paesi. Infatti la Germania ne ha già negoziate il doppio in proprio.

In Baviera se ne sono già dovute buttare mille. Potrebbe anche accadere lo stesso in qualche super organizzata regione italiana.

Tralasciamo poi che la Germania ha già programmato una industria per la produzione del vaccino  sul suo territorio, non pretendiamo tanto dal governo popul socialista.

Pretendiamo invece che vengano stroncate le voci no Vax che si sono alzate dalla sanità pubblica. Un po’ di rigore insomma.

Anche perché in Germania ci sono già diciottomila vaccinati. Stapperemmo champagne se in Italia ne avessimo vaccinati mille e ottocento.