Il governo degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato di aver formato un fondo di private equity da 10 miliardi di dollari per investire in Israele.

L’agenzia di stampa ufficiale degli Emirati, WAM, ha scritto che la decisione è stata presa dopo una telefonata “costruttiva” tra il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohammed bin Zayed e il primo ministro di Israele, Benjamin Netanyahu.

Secondo la WAM, il fondo sarà specializzato in investimenti strategici per la diversificazione dell’economia degli Emirati dalla dipendenza dal petrolio, con un focus su energie rinnovabili, acqua, spazio, sanità e agri-tech.

L’apertura a relazioni economiche è resa possibile dalla stipula degli Accordi di Abramo, mediati dagli USA, che ad Agosto 2020 hanno reso gli Emirati Arabi Uniti il terzo stato arabo a stabilire relazioni diplomatiche con Israele, dopo l’Egitto nel 1979 e la Giordania nel 1994. Alla firma degli Emirati sono seguite in sequenza quelle di Bahrein, Marocco e Sudan.

Il fondo di private equity sarà capitalizzato con fondi pubblici e privati.

Le parti hanno dichiarato che questa ulteriore iniziativa di collaborazione dimostra i benefici della strategia peace through prosperity. Secondo Gulf News, il quotidiano in lingua inglese degli Emirati Arabi Uniti, esiste una chiara volontà di cooperazione tra gli Emirati, Israele e gli USA, così come una determinazione comune di accelerare il progresso economico e tecnologico del Medio Oriente. L’editoriale è un messaggio diretto al Presidente Joe Biden: le monarchie del Golfo indicano il desiderio di mantenere Washington pienamente ingaggiata nel processo di pace ma soprattutto nel nuovo assetto geopolitico regionale.

Il fronte comune tra monarchie sunnite e Israele in Medio Oriente è il lascito più vistoso dell’Amministrazione Trump, mentre l’Amministrazione democratica è in fase di elaborazione della propria strategia di politica estera nella regione alla vigilia delle elezioni presidenziali in Iran.

Articolo precedenteLe vedove di Conte a confronto con il nuovo governo
Articolo successivoGli scienziati concordano sugli errori scientifici
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.