L’UK ha emesso 500 milioni di sterline di Sukuk, l’equivalente islamico di un titolo obbligazionario, che sono stati collocati tra investitori con sede nel Regno Unito e nei principali hub della finanza islamica in Medio Oriente e Asia.

Londra aveva emesso il suo primo Sukuk sovrano nel 2014, diventando il primo paese al di fuori del mondo islamico ad emettere Sukuk sovrani e cementando la sua posizione come centro internazionale per la finanza islamica.

Questa seconda offerta di Sukuk è più che raddoppiata rispetto alla prima emissione, aumentando l’offerta al mercato di attività liquide di alta qualità e conformi alla Sharia, il che rafforza lo sviluppo di prodotti di finanza islamica nel Regno Unito.

Il Cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak ha dichiarato: “Abbiamo stabilito piani ambiziosi per rendere il Regno Unito il centro finanziario più aperto e dinamico del mondo.

“Con il lancio del nostro secondo Sukuk sovrano, stiamo cementando la posizione del Regno Unito come il principale hub globale per la finanza islamica al di fuori del mondo islamico.

“La forte domanda degli investitori per questo Sukuk ci ha permesso di ottenere un buon prezzo per il contribuente e ci aiuterà a sviluppare le nostre relazioni con le economie islamiche di tutto il mondo”.

Questa seconda emissione ha attirato una domanda globale di alta qualità, con ordini per un totale di oltre 625 milioni di sterline, ed è stata venduta a una vasta gamma di investitori istituzionali di elevato standing in tutto il mondo.

Il tasso di profitto (equivalente al rendimento) sul Sukuk, con scadenza il 22 luglio 2026, è stato fissato allo 0,333%, pari al rendimento del Gilt 1,5% con scadenza luglio 2026.

Come per la prima emissione, il secondo Sukuk sovrano utilizzerà la struttura Al-Ijara che è molto diffusa sul mercato. L’emissione sarà collateralizzata dal reddito da locazione di un portafoglio immobiliare di uffici che sono di proprietà del governo.

L’emissione, prezzata ieri sarà liquidata oggi e sarà quotata alla Borsa di Londra.

Articolo precedenteSe Galli Della Loggia sdogana Fratelli d’Italia.
Articolo successivoDi sana e robusta Costituzione. Regole e democrazia. 21
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.