L’ultima volta che l’Italia fu un paese per giovani, c’era al governo Mussolini. Dopodichè ci ha pensato Benedetto Croce a stroncare qualsiasi velleità a proposito: “il compito dei giovani è quello di invecchiare”, ha scritto l’abruzzese, fine della storia. Fossimo stati un paese per giovani questo ultimo anno avremmo chiuso in casa tutti gli anziani e consentito ai giovani di scorrazzare come gli pareva, tanto se si ammalavano si sarebbero ripresi in due settimane. Ci sono anche morti per covid sotto i quarant’anni, ma nella media delle casistiche accidentali. Un paese per giovani avrebbe consentito per lo meno ad una certa vita economica di non deperire ed ai giovani di non rintanarsi come i vecchi. La scuola sarebbe rimasta aperta con soli insegnanti sotto i cinquanta anni. Manco nelle fiabe.
Il nostro è invece il paese delle circolare dove i bambini possono uscire solo per un giro intorno all’isolato. Un paese per cani. Poi nemmeno Enrico Letta è più un giovane, ha sessant’anni.

Una proposta per i giovani dovrebbero formularla i giovani e non è che sia questo gran che l’idea di fornirli di una dote di diecimila euro a danno dei loro vecchi. Un paese per giovani punterebbe sullo sviluppo e l’innovazione, sugli investimenti che possono offrire occasioni di lavoro e di formazione professionale, non si metterebbe a pensare ad una qualche tipo di dote, anche perché, detto fra noi, diecimila euro, sarebbero un aiutino di scarso impatto sociale. Siamo anche il paese delle mance

Una proposta per giovani dovrebbe prevedere l’offerta di un posto di lavoro che possa portare a guadagnare diecimila, meglio quindicimila euro il primo anno almeno. La certezza che non ci sarà mai questa offerta di lavoro, la rinuncia a priori alla crescita, fa scaturire proposte come quella di Letta, tipiche di un vecchio in un paese per vecchi che vivono di assistenza.

Ringraziamo Dio che abbiamo un presidente del Consiglio che l’ha subito stroncata sotto il profilo economico. Così come ci sono giovani e giovani, ci sono vecchi che ragionano e vecchi che le sparano solo grosse.