I rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato e Cna hanno incontrato il segretario Nazionale del PRI Corrado De Rinaldis Saponaro, accompagnato dal vicesindaco del Comune di Ravenna e segretario provinciale del PRI Eugenio Fusignani e dal dirigente PRI e Presidente del TRC (Terminal Container RavennaGiannantonio Mingozzi per un confronto sui temi dell’economia ravennate e sulle prospettive che si determineranno con la fine dell’emergenza COVID-19. L’incontro si è svolto presso la sala Bini di Confcommercio Ravenna.

Nel corso dell’incontro gli esponenti del PRI hanno proposto un ‘Patto territoriale’, che sarà uno degli elementi cardine della campagna elettorale, uno strumento per promuovere un processo di rilancio economico e sociale dell’area ravennate e per favorire percorsi di crescita del territorio, valorizzando le risorse umane e potenziando le infrastrutture di supporto alle attività economiche.

E proprio le attività economiche saranno al centro di questa programmazione in quanto spina dorsale del sistema produttivo. Tra le proposte che saranno inserite nel programma elettorale del PRI ravennate per le amministrative di ottobre, la creazione di due assessorati specifici, strutturati e dotati di risorse: l’assessorato al centro storico, con delega specifica per far crescere turisticamente Ravenna e renderla realtà internazionale; l’assessorato al forese per fare delle frazioni un vero volano di sviluppo fondamentale per l’intero territorio.

L’attenzione del PRI è massima sul porto di Ravenna. Ci sono 260 milioni già stanziati per l’aumento di profondità dei fondali a beneficio delle navi ad alto tonnellaggio. Il PRI sostiene il progetto di hub portuale per il quale sono in corso le procedure per l’inizio dei lavori.

Recentemente, Royal Caribbean ha scelto Ravenna come base terminal per le crociere. Il consolato generale USA ha visitato Ravenna: anche da Washington l’attenzione su Ravenna è alta perché è l’unico porto italiano con capacità espansive ed è bene chiarire che non ci sarà spazio per penetrazioni cinesi.