Il Foreign Secretary Liz Truss ha incontrato l’omologo israeliano Yair Lapid nel Regno Unito e ha augurato a lui e a tutto il popolo ebraico in Israele e nel mondo una felice festività Chanukah.

I responsabili della politica estera hanno aggiornato l’alleanza Regno Unito-Israele. Attraverso la firma di un nuovo memorandum d’intesa, Londra e Gerusalemme trasformeranno la longeva relazione in una partnership ancora più stretta, concordando formalmente un nuovo piano strategico per il prossimo decennio che abbraccia la tecnologia, il commercio e la difesa.

Truss e Lapid hanno anche annunciato l’inizio delle consultazioni su un nuovo accordo commerciale bilaterale tra Regno Unito e Israele da stipularsi entro il prossimo anno.

Il MOU vedrà UK e Israele forgiare un’alleanza più stretta su cybersecurity e alta tecnologia, e contribuirà a garantire che i futuri standard sulle nuove tecnologie siano modellati dalle nazioni democratiche.

I ministri hanno anche discusso del processo di pace in Medio Oriente, con l’obiettivo di migliorare la situazione a Gaza. Lapid ha ringraziato l’UK per la recente decisione di dichiarare Hamas un movimento terrorista.

Per quanto riguarda l’Iran, l’UK partecipa al tavolo sul JCPoA attraverso i colloqui che sono ripresi a Vienna, in Austria.

(Photo by Taylor Brandon on Unsplash)

Articolo precedenteAnnual Meeting Proiezioni di Borsa, premiato anche Pezzulli
Articolo successivoLa guerra, la stampa, lo show della guerra alla stampa
Avvocato, manager e giornalista. Allievo del 198° corso alla Scuola Militare Nunziatella, ha conseguito la laurea all'Università di Roma Luiss, il Master of Laws alla New York University e il Juris Doctor alla Columbia University di New York. E’ Avvocato; Solicitor (England & Wales); Attorney at Law (New York); e appartiene all’Ordine dei giornalisti della Lombardia. Ha esercitato la libera professione in USA (Sullivan & Cromwell) e assunto ruoli manageriali in UK (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo; BlackRock). Ha pubblicato "L’altra Brexit" (Milano Finanza, 2018); è editorialista Brexit per il quotidiano finanziario Milano Finanza; opinionista geopolitico per il canale televisivo finanziario Cnbc. Direttore responsabile della Voce Repubblicana.